Gregory Bateson – Citazioni

Il bello e il brutto, il letterale e il metaforico, il sano e il folle, il comico e il serio… perfino l’amore e l’odio, sono tutti temi che oggi la scienza evita. Ma tra pochi anni, quando la spaccatura fra i problemi della mente e i problemi della natura cesserà di essere un fattore determinante di ciò su cui è impossibile riflettere, essi diventeranno accessibili al pensiero formale. (Dove gli angeli esitano)

La carenza di saggezza sistemica è sempre punita. (Verso un’ecologia della mente)

Mi abbandono alla convinzione fiduciosa che il mio conoscere è una piccola parte di un più ampio conoscere integrato che tiene unita l’intera biosfera. (Mente e natura)

Quale struttura connette il granchio con l’aragosta, l’orchidea con la primula e tutti e quattro con me? E me con voi? E tutti e sei noi con l’ameba da una parte e con lo schizofrenico dall’altra? (Mente e natura)

Una certa mamma, quando il suo bambino ha mangiato gli spinaci, lo premia di solito con un gelato. Di quali ulteriori informazioni avreste bisogno per essere in grado di predire se il bambino: a) giungerà ad amare o a odiare gli spinaci; b) ad amare o a odiare il gelato; c) ad amare o a odiare la mamma? (Verso un’ecologia della mente)

Nella storia naturale dell’essere umano ontologia ed epistemologia non possono essere separate, le sue convinzioni sul mondo determineranno il suo modo di vederlo e agirvi, e questo suo modo di sentire ed agire determinerà le sue convinzioni sulla natura del mondo, l’uomo è quindi imprigionato in una trama di premesse epistemologiche ed ontologiche che a prescindere dalla loro verità e falsità ultima, assumono per lui carattere di parziale autoconvalida. (Verso un’ecologia della mente)

Noi scienziati sociali faremmo bene a tenere a freno la nostra ansia di controllare il mondo che comprendiamo in maniera così imperfetta… Piuttosto, i nostri studi potrebbero essere ispirati da un motivo più antico, e tuttavia oggi alquanto disatteso: la curiosità per il mondo del quale facciamo parte. La ricompensa di una tale impresa non è il potere, ma la bellezza

Tutte le metafore tratte da un mondo fisico di impatti, forze, energia ecc. sono inaccettabili nelle spiegazioni di eventi e processi del mondo biologico dell’informazione, finalità, contesto e significato.