LIBRI TERAPEUTICI (2)

Ordesa (In tutto c’è stata bellezza) – Manuel Vilas

Nel 1975 al funerale di Pier Paolo Pasolini Alberto Moravia fece un discorso indimenticabile e toccante. In quell’occasione disse “è morto un poeta, e di poeti ne nascono solo uno o due ogni secolo”. Ovviamente esagerando Moravia, poeta altissimo lui stesso, centra però un punto fondamentale.. scrivere ed avere una lettura poetica della vita non son la stessa cosa. La poesia, come l’amore, la natura, l’arte, permette l’accesso a stati di coscienza altrimenti inaccessibili.

Il processo terapeutico mira spesso a facilitare questo accesso in modo da favorire il cambiamento, la “cura”, l’ampliamento di quella parte della mente che supera la coscienza e nella quale spesso risiedono gli adattamenti falliti alla vita nelle loro forme sintomatiche quali la depressione, gli stati ansiosi, le fobie.

Manuel Vilas è certamente un poeta purosangue, di quelli che si riconoscono e che vengono salutati con sollievo. Ordesa, il suo libro d’esordio straordinario caso letterario in tutto il mondo, è composto da una serie di frammenti, ricordi, fotografie, che compongono la memoria di una famiglia, di due genitori visti dagli occhi di un figlio. Aspro, geniale, bruciante è un libro che può offrire alle anime in cerca di chiarezza identificazioni e riflessioni inattese sull’infanzia e su questa condizione umana misteriosa che tutti condividiamo.